Archivi tag: alberto radius

Bulgarian song

Nel corso del cosiddetto “Patriots tour” (ovvero la serie di concerti realizzati da Franco Battiato dopo l’uscita dell’LP “Patriots” e prima del seguente “La voce del padrone“) venne eseguita dal vivo in diverse occasioni una canzone col testo in siciliano intitolata (come da annuncio che lo stesso Battiato fece nei concerti) “Bulgarian song“.

Questo il testo della canzone così come pubblicato sul sito Solitary beach:
E scinni scinni l’acqua da’ funtana
u focu è già arrivatu a la marina
cu c’avi i scarpi rutti li risola
iu già l’aiu arrisulatu, iu già l’aiu arrisulatu…

Lassu i mo’ cumpagni ri scola,
i mò parenti, a mò casa
partu senza salutari l’amici…

E lassu tratturie di camiunisti
e di vacanzi in cerca di turisti
partu cu’ du trenu
ca passa li trafora, ca passa li trafora…

Il brano venne eseguito dal vivo con arrangiamenti molto spartani (voce e tastiere, a volte anche con l’ausilio del violino) e scomparve presto dalle scalette dei concerti. Comparirà ancora (in rarissime occasioni) nella seconda metà degli anni ’80 per poi svanire del tutto.

Riguardo al perchè del titolo, Annino La Posta scrive nel suo libro “Franco Battiato – Soprattutto il silenzio” (Giunti, 2010) :
L’anno prima, dopo l’uscita de «Il cinghiale», Battiato ha partecipato a un festival di canzoni europee in Bulgaria, a Burgas, sul Mar Nero […] Dalla Bulgaria, oltre al calore trasmessogli dal pubblico, Battiato si era portato dietro anche una musica che aveva sentito ma di cui non era riuscito a identificare la fonte. Questo non gli impedisce di scriverci sopra un testo in siciliano, che mescola proverbi locali a ricordi di gioventù, e di presentarla come «Bulgarian song»“.

Il brano non è mai stato pubblicato ufficialmente, ma la sua melodia è stata utilizzata (con ovvie modifiche) per la canzone “Il sole di Austerlitz“, incisa da Giuni Russo e pubblicata nel suo album “Energie“. Nell’Archivio Opere Musicali della SIAE la musica de “Il sole di Austerlitz” è attribuita esclusivamente ad Alberto Radius, dobbiamo pertanto pensare che sia co-autore anche di “Bulgarian song“.


Di questo brano circolano diverse registrazioni dal vivo, ad esempio quelle dei concerti di Firenze (8 febbraio 1981) e di Roma (15 febbraio 1981), registrazioni che si trovano con una certa facilità (anche su YouTube).